Il Governo approva lo schema del decreto legislativo di attuazione della Mifid 2.

Il 28 aprile 2017 il Consiglio dei ministri ha approvato, in esame preliminare, il decreto legislativo di attuazione della direttiva 2014/65/UE del 15 maggio 2014, denominata anche Mifid 2 (Markets in Financial Instruments Directive – Direttiva sui Mercati degli Strumenti Finanziari), relativa ai mercati degli strumenti finanziari e che modifica la direttiva 2002/92/CE e la direttiva 2011/61/UE. La Mifid 2 entrerà in vigore a partire dal 3 gennaio 2018.
Come riportato nel comunicato stampa del Governo, l’obiettivo di questa disciplina è di sviluppare un mercato unico di servizi finanziari in Europa, assicurando al contempo trasparenza e protezione degli investitori.
Sono concepite, pertanto, regole più stringenti per le imprese di investimento, al fine di garantire al cliente che i prodotti loro offerti siano adeguati; inoltre, all’intermediario è chiesto di assicurare una corretta gestione dei conflitti di interesse.
Nello specifico, lo schema del decreto legislativo del Governo modifica l’art. 21 del d. lgs. 24 febbraio 1998, n. 58 (Testo Unico della Finanza – T.U.F), disciplinante il comportamento che gli intermediari devono tenere nello svolgimento dei servizi e delle attività di investimento. L’art. 21 T.U.F viene infatti arricchito dei commi 2 bis e 2 ter.
Il 2 bis è rivolto alle imprese di investimento (produttori) che realizzano strumenti finanziari per la vendita alla clientela, i quali devono adottare le misure ragionevoli per assicurare che lo strumento finanziario sia distribuito ai clienti all’interno del mercato target.
Il comma 2 ter, invece, impone alle imprese di investimento (distributori), che forniscono i servizi di investimento, di conoscere gli strumenti finanziari offerti, valutando altresì la compatibilità degli stessi con le esigenze della clientela. In particolare gli intermediari devono “fare in modo che gli strumenti finanziari siano offerti o raccomandati solo quando ciò sia nell’interesse del cliente”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *