Ammissibilita’ di una pluralita’ di proroga al nulla osta al lavoro, ex art. 27 tui

Con una recente ordinanza il Tar della Lombardia ha ammesso la domanda cautelare volta all’annullamento del decreto di inammissibilità della proroga dell’autorizzazione al lavoro, ai sensi dell’art. 27 tu immigrazione. Tale disposizione disciplina gli ingressi per lavoro in casi particolari, al di fuori delle quote stabilite dai decreti flussi, secondo condizioni e procedure differenziate, precisate all’art. 40 del regolamento attuativo (d.p.r. 394/1999).
Il decreto di inammissibilità era fondato su un’interpretazione restrittiva operata dalla pubblica amministrazione, che riteneva possibile per il lavoratore ottenere un’unica proroga al nulla osta al lavoro.
Il tribunale amministrativo, tuttavia, ritiene corretta l’interpretazione dell’art. 40 del regolamento 394/1999 proposta dal ricorrente, secondo cui la normativa non stabilisce un numero massimo di proroghe, indicando solamente un limite di durata alle stesse, pari a due anni.
(t.a.r per la lombardia, ordinanza n. 1216 del 20 settembre 2016)
Per visualizzare l’ordinanza vai a questo link

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *